domenica 19 gennaio 2014

Mou & pecan pie

Innamorarsi di una torta su un giornale.
Girare per tutta  Milano, sotto la pioggia, per cercare le benedettissime noci pecan. ( Vi tolgo subito dall'inghippo, ad Auchan o Esselunga, con il guscio però).
Scoprire che rompere il guscio di queste noci è un impresa e che comunque ne usciranno intere 2 su 100.
Fare il caramello 10 volte prima di ricordarsi che, se lo mescoli, non verrà mai.
Scoprire che il caramello può "scioccarsi" se vi aggiungi la panna troppo fredda per fare il mou, così scendere l'ennesima volta, sempre sotto la pioggia, per ricomprare la panna....
Non rassegnarsi, portare a termine la missione.
Gustarsi la torta che, forse perchè così sudata, è ancora più buona.
Eccola.

Mou & Pecan pie

360 g di farina 00
230 g di burro
190 g di panna fresca
140 g di zucchero a velo
100 g di cioccolato fondente
70 g di zucchero semolato
70 g di gherigli noci pecan
50 g di farina di mandorle
10 g di miele di acacia
1 uovo
una presa di sale

Togliere la panna dal frigorifero, dovrà essere a temperatura ambiente, per non scioccare poi il caramello.
Occupiamoci della base.
Mescolate la farina di mandorle con lo zucchero a velo e 90 g di farina 00 poi impastateli con 180 g di burro morbido e l'uovo.
Quando l'impasto sarà omogeneo incorporatevi il resto della farina ( compresa quella di mandorle) e il sale. Io ho fatto tutto nella planetaria con la foglia.
Stendetelo subito fra due fogli di carta da forno e mettetelo a riposare in frigorifero, su di un piatto o direttamente nella teglia (26 cm ).
Quando sarà ben freddo cuocete a 180 gradi per circa 20 minuti o finchè sarà dorato. Lasciate raffreddare.

In un pentolino con il doppio fondo mettete lo zucchero semolato e accendete il fuoco medio basso. Assolutamente non mescolate! Quando si sarà sciolto e inizierà a colorarsi, aggiungete lentamente 100g di panna e 30 g di burro. Ora, un pochino potete mescolare....
Togliete dal fuoco, aggiungete le noci tritate e versate nel guscio precedentemente cotto.
Scaldate 90 g di panna con il miele e versatela bollente sul cioccolato tritato, mescolando finché si scioglie. Quando sarà tiepido aggiungete anche 20 g di burro.
Versate sul caramello e se vi piace aggiungete ancora qualche noce. Prima di tagliare fate raffreddare
completamente a temperatura ambiente.







21 commenti:

  1. Sarà anche stata una preparazione difficile e impegnativa, ma il risultato ti compensa di tutta l'acqua che ti sei presa: fantastica, deliziosa, strepitosa :)
    Buon inizio di settimana

    RispondiElimina
  2. Immagino tutti gli inghippi nella preparazione, ma che spettacolo e che golosa tentazione!!!
    Buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, moooolto golosa!!!! Grazie e buona settimana a te!

      Elimina
  3. tesoro!!!!! tutta inzuppata hai reso ancora meglio!!!! dai la fatica c'è stata tutta, inutile negarlo, ma che risultato hai avuto poi??? mi fauna golaaaaaaaa
    E cmq la prossima volta chiamami che vengo volentieri a fare cif ciaf in mezzo alle pozzanghere in cerca delle noci pecan insieme a te! Stivaloni da pesca cercasi! :) bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che ridere Elenina, un pomeriggio Fantozziano, ma ne è valsa la pena!

      Elimina
  4. Essi cara qua e' amore a prima vista..... La faccio!!!!

    RispondiElimina
  5. Mi diverto sempre a leggerti ! Un'amica mi ha chiesto da mesi la pecan pie americana. Ho lo sciroppo di acero che staziona in cucina ma di quelle stra benedette noci qui a Vicenza non c'è traccia, nemmeno dai fruttivendoli-boutique. Ma all'Auchan non ho guardato. Mando in missione mia mamma che va sempre là a fare la spesa. Certo che mia hai scoraggiato con l'operazione "schiaccia guscio !". La tua torta lo so che è un tripudio di golosità perchè è simile ad una che faccio con le noci nostrane. Se vuoi evitare rogne con il caramello, devi versare la panna dopo averla portata a bollore, altrimenti ti si indurisce inesorabilmente perchè c'è troppa differenza di temperatura. Tieni conto che la temperatura del caramello bruno si aggira sui 150 °C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristina!!!!!!! Farò tesoro delle tue dritte! Tu sei la numero uno!

      Elimina
    2. Ciao Cristina, stavo guardando la tua ricetta, e sono sorpresa che sei riuscita a trovare le noci pecan. Ti volevo far notare che in america questa ricetta si chiama Mud Pie. Forse avrai letto male, ma appunto e
      "mud" e non "mou" e la parola stessa "mud" che si traduce letteralmente come "fango", e cioe' un fango vero e proprio con il miele di acero e cioccolato. Complimenti!

      Elimina
    3. Ciao sono Raffaella. La ricetta è mia e l'ho chiamata mou perché l'ho usato nella preparazione. Non mi sono ispirata a quella americana che non conosco, ma grazie x il suggerimento, buona serata.

      Elimina
  6. Sbavooooooo!!!!! Ma che golosità che vedo a quest'ora???!!! Mi fa letteralmente impazzire :-P
    Buon inizio settimana cara <3
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Consuuuuuu ciao, fa sbavare che è una meraviglia! Ahahhahaha! Ciao cara.

      Elimina
  7. Ti ho immaginata in questo tortuoso procedimento :-). Se il risultato è stato questo, allora...è valsa anche la pena scendere due volte sotto la pioggia, no? Sorrido quando leggo le conversazioni fra te e Cristina :-). Io non vi seguo proprio, ahah!!! Le noci pecan posso solo ordinarle online, non mi azzardo nemmeno a chiederle nel comune di S. :-D. Baciuzz

    RispondiElimina
  8. golosissima!! un dolce che vorrei avere sotto mano proprio in questo momento

    RispondiElimina
  9. Ciao cara! Questa torta è golosa davvero....mmmm!!!
    Sul mio blog giorni fa ho parlato dei tuoi ottimi SCONES, che a mio marito sono piaciuti molto e che ho fatto già tre volte. Ho solo aumentato un pò lo zucchero, per il resto mi sono attenuta alla tua ricettina.
    Un bacio, spero che tu stia bene e che da te ci sisa il sole in questa bella domenica :-)

    RispondiElimina
  10. Deve essere davvero super!!! Un abbraccio :-)

    RispondiElimina
  11. Ehi! Un bacio cara streghetta!!! Aspetto nuove idee culinarie, dove sei?
    :-)

    RispondiElimina
  12. Wow, che torta megagalattica! Che aquolina!! Comunque complimenti per il blog, mi piace!!! Infatti ti ho assegnato un premio, vieni a ritirarlo!
    http://pandiramerino.blogspot.it/2014/03/liebster-award.html

    RispondiElimina
  13. Ho avuto qualche problema a inserirmi tra i lettori fissi delle altre food blogger ma finalmente sono riuscita anche nel tuo..
    Post divertente... di storie di una tipica amante della cucina e caparbia al punto giusto!
    Torta meravigliosamente strong..

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato il tuo parere!